Mag 052015
 

.

Medicina parodontale e medicina preventiva

La parodontite è l’infiammazione e infezione di legamento e osso alveolare di sostegno dei denti e può avere effetti significativi sulla salute generale e viceversa.
Alcune malattie e condizioni sistemiche possono essere potenziali fattori di rischio per la parodontite.
Analogamente esistono patologie sistemiche per cui la malattia parodontale è stata considerata come un fattore di rischio.

www.massimocanonica.itEsse sono: malattie cardiovascolari, malattie cerebrovascolari, ad esempio ictus, diabete, i bambini con basso peso alla nascita pretermine, preeclampsia, infezioni respiratorie e altre tra cui l’osteoporosi, il cancro, l’artrite reumatoide (AR), la disfunzione erettile (DE), la malattia di Alzheimer (AD), malattie gastrointestinali, prostatiti, malattie renali.

Gli agenti patogeni parodontali possono avere un’azione diretta sul sistema cardiovascolare e contribuire a causare la trombogenesi o l’aterosclerosi .
Si può anche avere un’azione indiretta sul sistema cardiovascolare, causando il rilascio di proteine di fase acuta dal fegato come il fibrinogeno e la proteina C-reattiva, che contribuiscono ulteriormente alla formazione dell’ateroma.
Studi scientifici hanno dimostrato che i soggetti con più del 20% di perdita significativa di tessuto osseo hanno avuto un aumento del rischio del 50% di malattia coronarica rispetto a quelli con perdita ossea orale fino al 20%.
Inoltre si è scoperto  che i soggetti con più del 20% di perdita ossea mascellare e mandibolare hanno anche tre volte più probabilità di essere colpiti da un ictus rispetto a quelli con meno del 20% di perdita ossea.
Si sostiene che le infezioni parodontali croniche possono provocare un aumento della resistenza all’insulina e scarso controllo glicemico e, quindi, possono complicare la gravità del diabete e il grado di controllo metabolico. Inoltre, è stato anche confermato che il trattamento parodontale porta a un miglioramento del controllo glicemico nei pazienti diabetici.
I soggetti con parodontite generalizzata hanno un rischio 5 volte maggiore di parto pretermine prima delle 35 settimane di gestazione e un aumento del rischio 7 volte maggiore di consegna prima di 32 settimane di gestazione. Si presuppone che l’infezione batterica possa portare a un aumento della produzione di prostaglandine amniotiche, che a sua volta si traduce in travaglio pre-termine.
La colonizzazione orale da patogeni respiratori, favorita da scarsa igiene orale e malattie parodontali, sembra essere associata a polmonite nosocomiale. L’ampia placca dentale dei pazienti affetti da parodontite può fornire superfici su cui potenziali patogeni respiratori (PRP) potrebbero aderire e fornire un serbatoio per l’infezione sui tratti distali delle vie respiratorie.
Si è anche visto che la placca sottogengivale in individui affetti da periodontite funzioni come un serbatoio per l’Helicobacter pylori che causa infiammazione cronica ed è il più forte fattore di rischio per il cancro gastrico, nonché per ulcera duodenale e gastrica.
E’ almeno teoricamente possibile che la  parodontite cronica possa contribuire allo sviluppo o alla progressione dell’osteoporosi. Una significativa associazione tra parodontite e artrite reumatoide è stata inoltre dimostrata e questa associazione può essere un riflesso di una comune alterazione della risposta infiammatoria in quanto sia la malattia parodontale che la Artrite Reumatoide si manifestano come conseguenza di uno squilibrio tra le citochine pro-e anti-infiammatorie.

.

sorrisi

Trattare le malattie gengivali e la parodontite per ridurre i rischi cardiovascolari.

Secondo quanto affermato dai ricercatori della Aston University recenti ricerche suggeriscono che un aumento della mortalità, nelle persone con insufficienza renale cronica, sia collegato con le condizioni infiammatorie croniche come la parodontite.
Studi precedenti hanno rivelato che più dell’85% delle persone con insufficienza renale cronica hanno problemi infiammatori gengivali, causati dalla rimozione inadeguata della placca aggravata da un’immunità alterata, che ritarda i processi di guarigione. La dottoressa Irundika Dias, sta conducendo uno studio sulle cause alla base delle malattie cardiovascolari e ha osservato una correlazione  tra malattia renale cronica e parodontite. Il trattamento della parodontite riduce i lipidi ossidati e l’attività delle cellule infiammatorie nelle persone con malattia renale cronica, facendo così calare il rischio di malattie cardiache che insidiano la vita di queste persone.

.

Cure odontoiatriche in gravidanza.

www.massimocanonica.itGengiviti, parodontiti e carie, oltre ad essere disturbi frequenti e fastidiosi per le donne in gravidanza, posso creare problemi anche al nascituro, essendo legate a un maggior rischio di parto pretermine, basso peso alla nascita e trasmissione dei batteri della carie al bambino. Per questo il Ministero della Salute ha pubblicato delle raccomandazioni per la promozione della salute orale in gravidanza, rivolte a medici, odontoiatri ed operatori sanitari.
Le donne che soffrono di gengivite in gravidanza vanno dal 30% al 100%, mentre il 5-20% mostra segni di parodontite. Tra le cause ci sono le modificazioni della dieta e dell’igiene orale, nausee mattine e vomito, reflusso esofageo, modificazioni ormonali, vascolari e immunologiche.
Il periodo più sicuro per eseguire le procedure terapeutiche è all’inizio del secondo trimestre, tra la 14a e 20a settimana di gestazione.
La gravidanza non è un motivo per rinviare cure odontoiatriche di routine o il trattamento di condizioni acute o necessarie, e le radiografie necessarie possono essere fatte in modo sicuro, adottando le precauzioni indicate. I ritardi nei trattamenti potrebbero provocare danni alla gestante e al feto.

 


Fonte:”Il Dentista Moderno”

FacebookTwitterGoogle+Condividi
Feb 052015
 

 

www.massimocanonica.it

 

Parodonto:
insieme di tessuti che circondano e sostengono denti, gengiva, mucosa alveolare, cemento, legamento parodontale, osso alveolare ed osso di supporto.

Parodontite: infiammazione dei tessuti di supporto del dente. Solitamente si tratta di alterazioni associate a distruzione progressiva di osso e di legamento parodontale. L’infiammazione si estende dalla gengiva all’osso ed al legamento parodontale adiacente. In profondità,nascosti tra denti e gengive, in aree non raggiungibili dallo spazzolino, milioni di batteri crescono protetti dal biofilm.

Tasca parodontale: solco patologico tra un dente e l’epitelio gengivale. Estensione apicale anomala del solco gengivale, causata dalla distruzione del legamento parodontale. Ciò determina la formazione di uno spazio in cui tartaro e placca batterica trovano maggiore riparo dalle procedure di igiene orale domiciliare, perpetuando la loro azione di riassorbimento osseo fino alla mobilizzazione dell’elemento dentario ed eventualmente alla sua perdita.

Recessione gengivale: fenomeno per il quale i tessuti parodontali marginali migrano apicalmente lungo la radice dentaria.

Gengivite indotta da placca:
infiammazione gengivale dovuta alla placca dentale.

Parodontite cronica: malattia infettiva che si manifesta con infiammazione dei tessuti di supporto dei denti, perdita di attacco e distruzione di osso. Ha andamento progressivo. E’ caratterizzata dalla formazione di una tasca parodontale e/o recessione gengivale. Solitamente tale patologia si associa alla presenza di placca e tartaro.

detartrasi

Detartrasi: forma di terapia non chirurgica consistente nella rimozione meccanica di irritanti dalla superficie deldente e della radice, con metodi manuali ed ultrasonici, per ottenere superfici dentarie deterse e biologicamente compatibili con la guarigione biologica, senza rimuovere il cemento radicolare.

Levigatura radicolare:
tecnica attraverso la quale si rimuove nella porzione sottogengivale il tartaro, la placca ed il “cemento molle” dalla superficie radicolare, per renderla dura e liscia. Questa tecnica può essere applicata “a cielo aperto” o “a cielo chiuso” spesso in anestesia locale. L’ igienista dentale piò usare la tecnica a “cielo chiuso”. La tecnica a “cielo aperto” è usata dal medico odontoiatra con un’ incisione che tende a ribaltare la gengiva, per facilitare l’accesso strumentale e consentire l’osservazione diretta del campo operatorio. In presenza di parodontite la levigatura mira a promuovere il riattacco dei tessuti di supporto alla superficie del dente.

Terapia parodontale non chirurgica:
rimozione e controllo della placca batterica. Il trattamento completo della terapia parodontale non chirurgica si suddivide in tre fasi: terapia eziologica, la quale viene effettuata nelle aree sopra e sotto gengivali mediante strumentazione meccanica ad ultrasuoni o strumentazione manuale; terapia antimicrobica sistemica e locale, terapia di supporto o mantenimento  eseguita per prevenire la recidiva della malattia con il programma di controllo della placca attraverso lo scaling, levigatura radicolare, applicazione di fluoro e controllo intra/extra orale e motivazione all’igiene orale domiciliare.

Terapia parodontale chirurgica:
qualsiasi atto chirurgico utilizzato per trattare la parodontite oppure per modificare la morfologia del parodonto.

Rigenerazione:
la rigenerazione parodontale si riferisce alla ricostituzione dell’attacco parodontale; la rigenerazione guidata di tessuto osseo si riferisce all’aumento di cresta o alla rigenerazione ossea.

Ott 282014
 

 

Quando i denti “storti” dei nostri figli costituiscono un potenziale problema?
Quando è il momento per programmare una visita di controllo dallo specialista?

A queste ed altre domande risponderemo attraverso la pubblicazione dell’interessante opuscolo, a cura del Dr. Gobbi  il nostro ortodontista di fiducia.

Lug 292014
 

Le linee guida del Ministero della Salute sul fluoro assunto per bocca ne hanno recentemente ridimensionato la reale utilità.

La Società Italiana di Odontoiatria Infantile si spinge ad affermare che il fluoro assunto in forma sistemica nei bambini è inutile e può rivelarsi dannoso in quanto in grado di innescare fenomeni di fluorosi. Numerose evidenze scientifiche internazionali concordano sull’inutilità dell’assunzione orale supplementare nei bambini e nelle donne in gravidanza.
Da numerosi anni in Europa non si sostiene più la fluoro profilassi sistemica ritenuta inefficace. Le nuove indicazioni puntano con forza sulla fluoroprofilassi topica il cui effetto preventivo è considerato particolarmente efficace.
La corretta prevenzione si attua infatti con applicazioni topiche di fluoro dal momento in cui erompono i denti da latte.

imagesL’ American Dental Association, aggiornando le proprie linee guida sulla prevenzione della carie nell’infanzia, ha consigliato di utilizzare una pasta dentifricia al fluoro sul primo dentino da latte appena erotto e proscrive in senso assoluto l’utilizzo del fluoro in compresse in quanto a rischio di sviluppo di fluorosi dentale.
Le compresse al fluoro risultano efficaci solamente se vengono sciolte lentamente in bocca, perché l’effetto del fluoro avviene esclusivamente a livello topico.
L’indicazione più corretta da dare ai genitori è quella di lavare i denti da latte dei loro bambini, iniziando precocemente con una garza contenete dentifricio al fluoro.
Attualmente non esiste evidenza scientifica che il fluoro sistemico assunto in gravidanza abbia una reale efficacia.

www.massimocanonica.it

Negli ultimi dieci anni, nei paesi industrializzati, la prevalenza della carie è rimasta pressochè invariata. Una parte della popolazione risulta ancora molto vulnerabile alla carie, tuttavia la maggior parte degli individui lavandosi i denti due volte al giorno con un dentifricio fluorato è in grado di prevenire adeguatamente l’insorgenza della carie.

 

Fonte: Italian Dental Journal

Mar 112014
 


Il primo periodo di prevenzione odontoiatrica nel bambino si avvia con la gravidanza. Lo stato di salute orale della futura mamma nel corso della gravidanza ha significative ripercussioni sia sulle modalità del parto che sulla salute orale del nascituro.

E’ pertanto molto importante che la mamma in stato di attesa sappia che se il suo stato di salute oro-dentale è sano anche per il suo bambino sarà lo stesso, mentre, la presenza di patologie dentarie attive, quali carie dentali o gravi infiammazioni dei tessuti di sostegno del dente, comporteranno un rapido quanto precoce stato di passaggio di batteri produttori di patologie odontoiatriche nel cavo orale del nascituro.

La prevenzione odontoiatrica in gravidanza quale primo e riconosciuto momento di protezione della salute oro-dentale del nascituro deve essere in grado di conseguire alcuni obiettivi:

1) Diminuire la carica batterica salivare della mamma, intervenendo per tempo nell’eliminare tutte le patologie odontoiatriche presenti e mantenendo una corretta igiene orale quotidiana. Nell’ultimo periodo della gravidanza sarà utile, sotto indicazione e stretta osservazione dell’Odontoiatra, l’uso di collutori a base di clorexidina e di chewing gum allo xilitolo.

2) Evitare la precoce colonizzazione batterica del cavo orale da parte di batteri cariogeni, per evitare la formazione di una placca batterica orale ricca di batteri cariogeni.
Inutile, invece, nell’alimentazione quotidiana della madre in gravidanza, aggiungere una dose integrativa di Fluoro per via sistemica.

Se siete in stato di gravidanza e volete sin da ora agire per la prevenzione dentale del vostro bambino chiedete consiglio al vostro dentista. 

 fonte: http://www.obiettivosorriso.it/il-tuo-dentista-informa

Feb 262014
 

www.massimocanonica.it  impianto 1

 

Esiste la possibilità di rigetto?

Non esiste la possibilità di rigetto in quanto il titanio è un materiale totalmente biocompatibile ed inerte dal punto di vista biologico.
Esiste tuttavia la possibilità del fallimento implantare immediato o differito a medio-lungo termine.
Il fallimento immediato o precoce è la mancata osteointegrazione dell’impianto prima della sua protesizzazione ed è un’evenienza rara .
Gli insuccessi immediati rappresentano il 2-3% dei casi.
Il fallimento a medio lungo termine può essere causato da un non corretto mantenimento dell’impianto. Il fumo e la scarsa igiene orale possono indurre infezioni e infiammazioni a livello dell’impianto e quindi il riassorbimento dell’osso.
E’ fondamentale che il paziente si sottoponga a controlli periodici e che curi scrupolosamente la propria igiene orale. Saranno parimenti necessari controlli clinici e radiografici frequenti.
La cattiva igiene orale e la malattia parodontale non controllata riducono drasticamente le percentuali di successo terapeutico e di sopravvivenza a lungo termine degli impianti.

 

Quali sono i principali strumenti di igiene orale?

www.massimocanonica.it

 

Spazzolino da denti;
Spazzolino monociuffo;
Spazzolino interdentale (scovolino);
Filo interdentale;
Antisettici.

 

 

Durata e mantenimento.

Quanto dura un impianto dentale?

Quando l’impianto si è integrato con l’ osso non esiste un limite alla sua durata se il paziente mantiene una scrupolosa igiene domiciliare e si sottopone a controlli periodici e se il manufatto protesico è stato eseguito nel rispetto dei parametri tecnici.
Possono raramente manifestarsi complicanze a livello protesico di tipo meccanico quali la decementazione di un ponte, la rottura o l’allentamento di una vite di fissazione .
Le protesi supportate da impianti hanno una durata media paragonabile a quella delle protesi fisse tradizionali su denti naturali stimabile in circa 10 anni.
In seguito al trattamento implantare si può incorrere nel rischio dell’insorgenza della mucosite e successivamente della perimplantiteprocesso infettivo di origine batterica indotto dall’accumulo di placca e tartaro, nel tessuto osseo circostante l’impianto stesso. I batteri che colonizzano la superficie dell’impianto inducono la distruzione dell’osso circostante fino a giungere alla perdita dell’impianto.

 

www.massimocanonica.it

 

Che cos’e’ la terapia di mantenimento?

La terapia di mantenimento è un piano di richiami individualizzato per controllare nel tempo la salute degli impianti dentali, verificare l’igiene orale ed identificare gli eventuali errori commessi dal paziente nell’igiene orale quotidiana. Una motivata collaborazione è indispensabile per garantire un successo implantare a lungo termine.
Possiamo individuare alcune aree verso cui è bene porre una maggiore attenzione:
a livello dei pilastri (perni moncone) che collegano l’impianto alla protesi;
sotto gli elementi sospesi ossia tra il ponte e la gengiva;
negli spazi interdentali.

www.massimocanonica.it

 

Si può reintervenire a livello della protesi su impianti?

Si in quanto tutti i manufatti protesici su impianti sono fissati con cementi specifici o fissati medianti viti di connessione e possono essere rimossi quando si evidenzi la necessità.

Feb 062014
 

 

www.massimocanonica.it

 

L’alveolite post-estrattiva é una complicanza particolarmente dolorosa che può seguire l’estrazione dentaria. E’ un processo infiammatorio dell’osso alveolare, quella parte di osso della mandibola e della mascella che sostiene e circonda la radice o le radici di un dente. 


www.massimocanonica.it    dott. massimo Canonica

Dopo l’estrazione di un dente residua una cavità ossea detta ‘alveolo’ o ‘cavità alveolare’ in comunicazione diretta con la cavità orale. Il sintomo principale e caratteristico di questa patologia è il dolore tardivo nella zona sottoposta alle manovre estrattive. Il dolore è spontaneo, intenso, persistente, di tipo gravativo, soprattutto notturno e tende ad irradiarsi verso la zona auricolare. Purtroppo  può persistere per alcuni giorni o per diverse settimane.
Caratteristicamente il dolore dell’alveolite è resistente ai comuni farmaci analgesici e determina difficoltà nell’alimentazione. Può inoltre essere presente alitosi, talvolta gonfiore ed ingrossamento dei linfonodi.

 

All’osservazione:

–  l’alveolo appare circondato da gengiva poco arrossata, leggermente gonfia, liscia e lucente;
–  la cavità alveolare può apparire vuota e secca o piena di materiale bianco-grigiastro maleodorante (residui alimentari in decomposizione). Dopo detersione, la cavità si presenta vuota caratteristicamente priva di tessuto di reazione, con le pareti ossee lucide.
alla palpazione, o anche al semplice contatto, può scatenarsi dolore intenso.

 

Cause.

La patogenesi dell’ alveolite secca non è ben conosciuta.
Tendiamo ad escludere  processi infettivi, infatti il trattamento con antibiotici  non produce effetti apprezzabili.
L’ipotesi più accreditata è la lisi del coagulo sanguigno intralveolare.
In condizioni normaliil coagulo blocca il sanguinamento, protegge i tessuti sottostanti e serve come base per l’organizzazione del cosiddetto ‘tessuto di granulazione’, da cui dipende la formazione di nuovo tessuto osseo nella cavità alveolare.
Nell’alveolite post-estrattiva il coagulo sanguigno, sviluppatosi nell’alveolo dopo l’intervento, si disintegra oppure viene dislocato attraverso un processo di dissoluzione della fibrina.
Batteri presenti nella saliva possono essere coinvolti nel processo.
La formazione del tessuto di granulazione risulterà insufficiente e la guarigione della ferita risulterà così ritardata.

 

Condizioni predisponenti:

–  procedure estrattive particolarmente traumatizzanti;
–  età superiore ai 40 anni;
–  sesso femminile per motivi ormonali;
–  la presenza di un’infezione dentaria preesistente all’estrazione;
–  il fumo;
–  scarsa igiene orale;
–  malattia parodontale cronica.

 

Trattamento.

L’alveolite è quindi una condizione molto dolorosa ma non grave.
 Il trattamento non diminuisce i tempi di guarigione, ma serve a controllare la sintomatologia dolorosa ed a ripristinare quelle condizioni anatomiche e biologiche nella sede dell’estrazione, indispensabili per favorire una ripresa dei processi riparativi .
L’uso di analgesici per via sistemica provoca in genere solo temporanee remissioni della sintomatologia.
E’ necessario  intervenire soprattutto localmente, con una cauta pulizia e lavaggio dell’alveolo, previa anestesia locale se necessario, e l’applicazione di una medicazione antidolorifica nell’alveolo stesso.
In seguito al trattamento il Paziente può provare un notevole beneficio, per l’improvvisa remissione della sintomatologia.
La terapia più accreditata ultimamente prevede:
–  la rimozione di eventuali depositi e residui alimentari presenti all’interno della cavità;
–  lavaggi quotidiani dell’alveolo con soluzione fisiologica, o clorexidina allo 0,20%, o soluzione antibiotica;
–  il posizionamento nell’alveolo di una garza sterile imbevuta di Eugenolo (azione analgesica).
La frequenza delle medicazioni all’inizio è quotidiana e viene ridotta con la remissione della sintomatologia e la stabilizzazione del tessuto di riparazione fino alla guarigione.
Altri protocolli prevedono il lavaggio con H2O2 e soluzione fisiologica oppure l’attuazione di manovre chirurgiche per provocare nuovo sanguinamento e di conseguenza favorire  la formazione di un nuovo coagulo. In quest’ultimo caso si corre però il rischio di provocare un’infezione dei tessuti ossei, complicanza certamente più seria dell’alveolite secca.
In genere gli antibiotici per bocca non sono necessari.

 

Prevenzione.

Per ridurre il rischio della comparsa dell’ alveolite il dentista dovrà seguire i seguenti accorgimenti:
–  eliminare il tartaro, se presente, attorno alla radice del dente almeno 10 giorni prima dell’intervento;
–  nell’imminenza dell’intervento far eseguire al paziente sciacqui con colluttorio a base di clorexidina allo 0,20% per ridurre drasticamente la carica batterica nel cavo orale;
–  ridurre il trauma gengivale, evitando di lacerare i tessuti e la necrosi del tessuto osseo;
–  curettare  l’alveolo dopo l’estrazione;
–  lavare abbondantemente l’alveolo con soluzione fisiologica, possibilmente fredda;
–  applicare nell’alveolo spugnette sterili  di collagene di origine animale biocompatibile o di cellulosa ossidata, per favorire il coagulo;
–  non ischemizzare la ferita dopo l’estrazione con una compressione eccessiva del tampone, ma piuttosto lasciar sanguinare delicatamente per favorire il coagulo;
–  eventualmente programmare l’estrazione tra il 23° e il 28° giorno del ciclo nelle donne che assumono contraccettivi orali.

 

Il Paziente dopo l’intervento dovrà:

–  mantenere il tampone di garza posizionato sopra il sito chirurgico per permettere l’organizzazione del coagulo;
–  non effettuare sciacqui nelle prime ore, perché tale operazione potrebbe sciogliere o spostare il coagulo.
–  può essere applicato nella sede dell’estrazione un gel a base di clorexidina almeno allo 0,20%;
–  eseguire sciacqui in modo  delicato e della durata di almeno un minuto, con colluttori contenenti clorexidina almeno allo 0,12%, dopo le consuete manovre di igiene orale;
–  evitare manovre che possano dislocare il coagulo dalla sede alveolare, come bere con cannucce, risucchiare nella zona dell’estrazione, sputare, fare gargarismi, usare l’idropulsore;
–  non assumere cibi e bevande calde, ma dieta fredda a base di liquidi e cibi morbidi: masticare dal lato opposto a quello sede della ferita;
–  evitare alcolici e bibite gassate;
 non fumare nel periodo post-operatorio immediato e per le 48h successive ;
–  mantenere una corretta igiene orale domiciliare.

 

 Fonte: medicItalia (odontoiatria e Odontostomatologia)

 http://www.colgate.it/app/CP/IT/OC/Information/Articles/Oral-and-Dental-Health-Basics/Checkups-and-Dental-Procedures/Tooth-Removal-Extraction/article/Tooth-Extract

 

 

 

 

Gen 202014
 

 

anatomia parodontale 1

 

La malattia parodontale, comunemente chiamata piorrea, è una patologia che si sviluppa a carico del parodonto, ad eziologia multifattoriale, provocata da un’ infezione batterica e dalla predisposizione personale.

Il parodonto, ossia la struttura che funge da sostegno al dente, è composto dalla gengiva, dal legamento parodontale e dall’osso.

Molto spesso la malattia parodontale non provoca dolore, soprattutto nelle fasi iniziali, e quindi non è facile accorgersi della sua presenza; quando ciò avviene, la situazione, in molti casi, è già compromessa: gengive che sanguinano con frequenza, mobilità dei denti e alito cattivo sono segni di malattia parodontale in stato avanzato. La piorrea è una delle cause più frequenti di perdita degli elementi dentari in pazienti adulti.

L’unico modo che il paziente ha per verificare l’insorgenza di malattia parodontale è di fare regolari visite di controllo dal proprio dentista.  Solo in questa maniera è possibile effettuare una diagnosi e quindi attuare un piano di cura adeguato oppure mettere in pratica misure preventive contro l’insorgenza della piorrea. Le misure preventive consistono nella rimozione della placca e del tartaro dai denti: la placca è una patina biancastra che si deposita sui denti vicino alle gengive ed è composta da batteri; se non viene regolarmente eliminata con l’uso dello spazzolino col tempo indurisce e si trasforma in tartaro. Il tartaro può solamente essere eliminato dal cavo orale mediante una detartrasi. La placca batterica e, di conseguenza, il tartaro sono la causa principale dello scatenamento della malattia parodontale.  La malattia parodontale se trascurata nel tempo provoca gonfiore e sanguinamento delle gengive, perdita di osso e perdita dei denti.

Quali sono le cause della malattia parodontale?

La malattia parodontale è causata da diversi fattori non tutti controllabili dal paziente o dal dentista. La causa principale è l’accumulo di placca e di tartaro all’interno della bocca. Uno dei fattori di rischio più importanti è il fumo. L’assunzione di determinati farmaci, come immunosoppressori e antidepressivi, può aumentare la possibilità che si sviluppi la malattia parodontale. Recenti studi hanno inoltre dimostrato che malattie sistemiche, ad esempio il diabete, possono aggravare lo sviluppo della malattia parodontale. La predisposizione genetica, infine, favorisce lo sviluppo della malattia: se in famiglia, tra i parenti più stretti, vi è qualcuno che ha perso i denti apparentemente senza causa è possibile che si sia geneticamente predisposti.

Diagnosi

La diagnosi di malattia parodontale viene eseguita dall’ odontoiatra. Esso si avvale di alcune tecniche diagnostiche minimamente invasive e per nulla dolorose.

malattia parodontale 2

In una situazione di salute l’osso di sostegno dei denti normalmente si trova circa 2-3 millimetri sotto il bordo della gengiva. In caso di malattia parodontale esso si ritira andando a formare le  tasche parodontali, dove con molta facilità si accumulano batteri e tartaro. Per valutare la presenza di eventuali tasche viene eseguito di norma un esame radiografico (come può essere una panoramica) accompagnato da un esame del cavo orale eseguito utilizzando una sonda millimetrata che viene posta tra la gengiva e il dente, e questo permette di misurare la profondità di eventuali tasche.

Le prime avvisaglie della malattia parodontale si presentano con l’insorgere di una gengivite: le gengive sono molto rosse, gonfie, doloranti e tendono a sanguinare con molta facilità. La gengivite è una forma della malattia ancora reversibile e quindi facilmente curabile, ma se non viene curata può evolvere in forme ben più gravi e irreversibili della malattia.

Lo stato più avanzato della malattia è la parodontite: a questo livello le gengive, l’osso e il legamento parodontale sono già stati gravemente danneggiati, i denti hanno acquisito mobilità e nei casi più gravi possono cadere spontaneamente o venire estratti.

Le cure

Come abbiamo visto la malattia parodontale può trovarsi in vari stadi di gravità differente. La cura per la malattia dipende dalla sua gravità. Negli stadi iniziali è sufficiente eseguire una pulizia degli elementi dentari dal tartaro e dalla placca mediante una seduta di igiene orale professionale (detta anche detartrasi). Negli stadi più avanzati è necessario eseguire una levigatura radicolare, che prevede la pulizia approfondita, sotto anestesia, della tasche parodontali. Nei casi gravissimi vi è la possibilità che si debba eseguire un intervento chirurgico di ricostruzione delle strutture perse.

Tutti questi trattamenti vengono eseguiti ambulatorialmente e prevedono tempi di guarigione brevi e quasi del tutto esenti da effetti collaterali. Il numero di appuntamenti necessari al trattamento della malattia dipende dalla gravità e dalla sua estensione. Presso il nostro studio è possibile eseguire i vari interventi anche in stato di sedazione cosciente eseguita da un anestesista specializzato. Dopo il trattamento è prevista l’esecuzione di una serie di richiami periodici di controllo. Una volta effettuata la terapia è di fondamentale importanza rispettare i richiami di controllo ed effettuare scrupolosamente le manovre di igiene orale che vengono insegnate dai nostri operatori. In mancanza di tali atti il buon esito della terapia potrebbe essere compromesso.

Prevenzione della malattia parodontale.

Per prevenire l’insorgere della malattia parodontale è sufficiente seguire poche e semplici direttive:

lavare correttamente i denti mediante l’uso dello spazzolino dopo ogni pasto per almento tre minuti;

utilizzare quotidianamente il filo interdentale e lo scovolino in caso di ponti o impianti;

–  evitare di fumare;

eseguire visite periodiche di controllo presso il dentista specializzato nella cura della parodontite.

 

Gen 202014
 

prevenzione bambini

Allattamento e ciuccio

L’allattamento al seno favorisce un corretto sviluppo dei mascellari. E’ bene interrompere l’uso del ciuccio entro i tre anni in modo da prevenire l’insorgenza di malocclusioni, come il morso aperto anteriore ed il morso incrociato posteriore.

Fluoro

La somministrazione di fluoro per bocca con dosaggi differenziati è raccomandata per tutti i bambini dai sei mesi ai tre anni di età. Dai tre ai sei anni la somministrazione per bocca può essere sostituita con l’uso di paste dentifricie a basso contenuto di fluoro(500 PPM) da utilizzare due volte al giorno con lo spazzolino.

Zuccheri nel biberon

Vanno assolutamente sconsigliati l’uso del succhiotto edulcorato e l’uso non nutrizionale del biberon contenente bevande zuccherine. Le sostanze zuccherate o il latte, anche non addizionato di zucchero, contenuti nel biberon sono la principale causa di carie dei denti da latte.

Alimentazione

E’ sconsigliato assumere bevande e cibi contenenti zucchero fuori dai pasti. La frequente assunzione di carboidrati fermentabili durante l’arco della giornata aumenta fortemente l’acidità della placca batterica, favorendo la demineralizzazione dei tessuti duri dentari e di conseguenza la formazione della lesione cariosa.

Igiene orale

L’igiene orale per i bambini da zero a tre anni deve essere demandata ai genitori. Prima dell’eruzione dei denti, dopo la poppata, si devono pulire le gengive con una garzina umida. Dall’eruzione del primo dente deciduo in poi, i denti vanno puliti accuratamente con garza o dito di gomma. E’ bene che il bambino prenda confidenza con lo spazzolino il prima possibile.

Spazzolino

L’igiene orale per i bambini da quattro a cinque anni deve essere praticata sotto la supervisione dei genitori, con spazzolino morbido a testina piccola. E’ importante che i genitori diano il buon esempio: il bambino che vede i genitori lavarsi i denti quotidianamente più volte al giorno è spontaneamente portato ad imitarli.

Buone abitudini

Il corretto spazzolamento dei denti almeno due volte al giorno previene la carie e la gengivite. Esiste evidenza scientifica che le corrette abitudini di igiene orale vadano acquisite durante l’infanzia, per poi essere rafforzate durante l’adolescenza.

 

 

Fonte AIO – Associazione Italiana Odontoiatri

Gen 092014
 

 

images
Dentifricio   

Dopo i sei anni l’uso di un dentifricio contenente almeno 1000 PPM di fluoro due volte al giorno è di fondamentale importanza nel prevenire la carie e può costituire l’unica forma di somministrazione.  La quantità di dentifricio deve sempre essere minima.

 

Alimentazione   

E’ sconsigliato assumere cibi e bevande contenenti zucchero fuori dai pasti principali.  La frequente assunzione di carboidrati fermentabili durante l’arco della giornata aumenta l’acidità della placca batterica, favorendo la demineralizzazione dei tessuti duri dentari e di conseguenza la formazione della lesione cariosa.

 

Sigillatura dei solchi dentari   

Le sigillature dei solchi di molari e premolari sono indicate per tutti i bambini.    La loro efficacia nel prevenire la carie è massima se vengono applicate nei due anni successivi all’eruzione e la loro integrità va controllata ogni 6-12 mesi.  La metodica consiste nella chiusura meccanica mediante resine fluide delle irregolarità dello smalto presenti sulla superficie masticante.

 

Buone abitudini   

Il corretto spazzolamento dei denti, almeno due volte al giorno, previene carie e gengivite.  L’eliminazione meccanica della placca presente sui denti ed in corrispondenza del margine gengivale, rappresenta il programma più semplice ed efficace di prevenzione delle patologie orali nei bambini e negli adolescenti.

 

Filo interdentale   

L’uso del filo interdentale in età evolutiva non è consigliato.  Il suo utilizzo è ammesso dal termine della permuta e comunque necessita di un apprendimento specifico e di una buona manualità.

 

Disabilità   

In caso di Pazienti affetti da malattie sistemiche o con disabilità, si raccomanda l’incremento della motivazione all’igiene orale personale con il coinvolgimento forte di genitori e personale di supporto, unitamente a controlli periodici da parte di un odontoiatra pediatrico e dall’igienista dentale.

 

Respirazione   

I bambini con respirazione prevalentemente orale e mascellare superiore contratto,  traggono beneficio dall’espansione ortopedica del mascellare.   L’espansione della sutura palatina contribuisce a ripristinare il normale flusso di aria attraverso il naso durante  la respirazione.

 

 

Fonte Associazione Italiana Odontoiatri