Feb 072016
 

 

Alimentazione e salute orale

 

Di recente l’ANDI ha formulato e distribuito alcuni consigli utili per mantenere uno stile di vita sano attraverso l’alimentazione …. anche per la vostra salute orale!

Ve li propongo integralmente attraverso le loro preziose pagine.

Buona lettura.

 

stili di vita , alimentazione e  salute orale

stili di vita , alimentazione e salute orale

 

 

alimentazione e salute orale

 

 

Un concetto universale

12 consigli

Occhio agli zuccheri

Spuntino?

Fonte: ANDI Associazione Nazionale Dentisti Italiani www.andi.it

FacebookTwitterGoogle+Condividi
Nov 302014
 

 

Il sorriso comunica più di qualunque altra caratteristica fisica. Un bel sorriso è uno dei modi più veloci di fare un’ottima impressione. Impariamo come e perché effettuare un trattamento di sbiancamento dentale professionale

 

Lo sbiancamento dentale

Nel corso della vita i denti cambiano colore per molteplici ragioni. Le cause delle macchie dentali sono molte. Alcuni farmaci (tetracicline), traumi dentali, devitalizzazioni e persino cibi e bevande possono, nel tempo, provocare il cambiamento di colore dei denti. Alcune discromie si trovano sulla superficie dei denti mentre altre sono interne. Entrambe possono essere trattate efficacemente dal dentista.

Lo sbiancamento dentale è una procedura odontoiatrica che permette di migliorare il colore deidenti, rendendoli più bianchi.

Lo sbiancamento dentale professionale è quello eseguito sotto la supervisione dell odontoiatra dopo aver effettuato una diagnosi adeguata. È necessaria una diagnosi iniziale, la pulizia dentale professionale, spiegazioni sul processo di sbiancamento da utilizzare ed il monitoraggio durante la fase di trattamento. L’auto-trattamento con prodotti da banco pone dei rischi per denti e gengive e non porta i risultati desiderati. Gli Sbiancanti Professionali, domiciliari o da studio, sono l’opzione più sicura ed efficace perschiarire i denti discromici.

 

Sbiancamento professionale in studio 

sbiancamento in studio

professionale in studio

 

Sbiancamento professionale domiciliare mediante mascherine

mascherine

mascherine

 

Come funziona lo sbiancamento?

Lo sbiancamento è un processo chimico in cui il perossido contenuto nello sbiancante si scinde in piccolissime molecole, capaci di penetrare la struttura di smalto e dentina e spezzare le molecole dei pigmenti colorati che provocano discromie; lo schiarimento avviene su tutto il dente, anche se non coperto di sbiancante. La struttura dentaria non viene alterata o danneggiata ma viene semplicemente schiarito il colore interno.

 

Quanto dura lo sbiancamento?

I risultati dello sbiancamento sono stabili. Ad ogni modo, in relazione alla propria alimentazione ed alle proprie abitudini di vita può essere necessario ripetere periodicamente il trattamento. Grazie alla sicurezza degli attuali  agenti sbiancanti ciò non è motivo di alcuna preoccupazione.

 

Lo sbiancamento causa sensibilità dentale?

La sensibilità dentale è un possibile effetto collaterale dello sbiancamento. Questa sensibilità è temporanea e scompare dopo il completamento del trattamento. Nelle formulazioni degli agenti sbiancanti vengono spesso inclusi il nitrato di potassio e il fluoro, che contribuiscono ad alleviare il possibile disagio dello sbiancamento. In caso di sensibilità perdurante vi sono prodotti specifici che il dentista potrà offrire ai propri pazienti.

 

Lo sbiancamento può indebolire i denti e causare problemi?

Diversi studi confermano l’assoluta sicurezza dei sistemi di sbiancamento attualmente in uso. Le formulazioni con Fluoro e nitrato di potassio portano realmente alla riduzione della carie, alla minimizzazione della sensibilità, all’aumento della durezza dello smalto ed al miglioramento della salute complessiva dei denti.

 

Quanto si possono sbiancare i denti?

Il risultato di uno sbiancamento dipende da molti fattori come il tipo di discromia, l’età del paziente, la qualità e quantità di tessuti dentari.

Ricordiamo che otturazioni, corone e faccette non possono essere sbiancate.

 

Apr 042014
 

 www.massimocanonica.it

 

Ecco un argomento che sicuramente incontrerà l’interesse di molti.

Nel campo dell’estetica dentale abbiamo assistito ad una notevole evoluzione, con nuove possibilità per poter ottenere denti sempre più naturali e bianchi.
Si possono trattare tutti i tipi di discromie anche i casi con pigmentazioni da tetracicline in tempi variabili da due a sei settimane.

Nella programmazione di una terapia sbiancante bisogna tener presenti alcuni importanti aspetti.
Prima dello sbiancamento, la bocca deve essere sottoposta ad una seduta di igiene orale con eliminazione di placca e di tartaro.
L’odontoiatra deve effettuare una visita preliminare nella quale evidenzierà carie da curare
prima dello sbiancamento, o comunque tutte quelle che sono le controindicazioni, come   ipersensibilità dentinale, superfici radicolari esposte, gravi perdite di smalto o fratture dello smalto stesso, o situazioni con un tale grado di pigmentazione da rendere vano qualsiasi tentativo di sbiancamento.
Bisogna inoltre analizzare le aspettative del paziente: i risultati non sono sempre prevedibili.
Si può ottenere uno sbiancamento intenso e molto evidente ma anche, in altri casi, una modificazione minima nella scala colore, indipendentemente dalla qualità della cura.
Inoltre la presenza di otturazioni o di protesi fisse anche in ceramica comporta dei problemi, in quanto lo sbiancante non ha nessun effetto su questi materiali, agendo unicamente sullo smalto dentale. In questi casi, per ottenere una buona estetica bisogna ricorrere alle faccette o agli elementi protesici in ceramica.

 

Per lo sbiancamento dei denti esistono diverse opzioni, semplici ed innocue.

– Sbiancamento ambulatoriale su denti vitali.
Viene praticato presso lo studio dentistico: un sistema sbiancante sotto forma di gel  viene miscelata in ambulatorio, applicato sui denti e attivato da una sorgente luminosa dedicata.
Lo schiarimento/sbiancamento dei denti avviene attraverso reazione di ossidazione a livello dei pigmenti contenuti nella dentina mediante l’azione del perossido di idrogeno liberato dalla sostanza sbiancante. Le gengive vengono protette da un gel. Il trattamento richiede circa mezz’ora per arcata.

– Sbiancamento domiciliare.
Nello studio dentistico, da un’impronta dei denti, si ricava una mascherina in plastica che il paziente applicherà sui denti stessi dopo averla riempita di un gel sbiancante specifico.
Quest’ultimo è normalmente costituito da carbamide perossido (un composto formato da perossido di idrogeno e urea). Le mascherine devono essere mantenute in bocca per 3-8 ore al giorno per 1-3 settimane, normalmente durante il sonno.

– Combinazione di entrambe le opzioni.
I più rinomati esperti nel campo dello sbiancamento e i ricercatori hanno dimostrato che si può ottenere uno sbiancamento dei denti più prevedibile ed efficace qualora si combini il trattamento ambulatoriale con un trattamento domiciliare mediante mascherina personalizzata nel periodo successivo.

– Sbiancamento su denti devitalizzati.
Si possono ottenere risultati altrettanto validi con metodi cosiddetti “alla poltrona” effettuati in studio in due-tre sedute con applicazione di prodotti sbiancanti all’interno della camera pulpare del dente, attivati e lasciati in sede con tecnica “walking bleaching”.
Lo sbiancamento può essere continuato mediante trattamento domiciliare con mascherina.

 

Feb 062014
 

 

www.massimocanonica.it

 

L’alveolite post-estrattiva é una complicanza particolarmente dolorosa che può seguire l’estrazione dentaria. E’ un processo infiammatorio dell’osso alveolare, quella parte di osso della mandibola e della mascella che sostiene e circonda la radice o le radici di un dente. 


www.massimocanonica.it    dott. massimo Canonica

Dopo l’estrazione di un dente residua una cavità ossea detta ‘alveolo’ o ‘cavità alveolare’ in comunicazione diretta con la cavità orale. Il sintomo principale e caratteristico di questa patologia è il dolore tardivo nella zona sottoposta alle manovre estrattive. Il dolore è spontaneo, intenso, persistente, di tipo gravativo, soprattutto notturno e tende ad irradiarsi verso la zona auricolare. Purtroppo  può persistere per alcuni giorni o per diverse settimane.
Caratteristicamente il dolore dell’alveolite è resistente ai comuni farmaci analgesici e determina difficoltà nell’alimentazione. Può inoltre essere presente alitosi, talvolta gonfiore ed ingrossamento dei linfonodi.

 

All’osservazione:

–  l’alveolo appare circondato da gengiva poco arrossata, leggermente gonfia, liscia e lucente;
–  la cavità alveolare può apparire vuota e secca o piena di materiale bianco-grigiastro maleodorante (residui alimentari in decomposizione). Dopo detersione, la cavità si presenta vuota caratteristicamente priva di tessuto di reazione, con le pareti ossee lucide.
alla palpazione, o anche al semplice contatto, può scatenarsi dolore intenso.

 

Cause.

La patogenesi dell’ alveolite secca non è ben conosciuta.
Tendiamo ad escludere  processi infettivi, infatti il trattamento con antibiotici  non produce effetti apprezzabili.
L’ipotesi più accreditata è la lisi del coagulo sanguigno intralveolare.
In condizioni normaliil coagulo blocca il sanguinamento, protegge i tessuti sottostanti e serve come base per l’organizzazione del cosiddetto ‘tessuto di granulazione’, da cui dipende la formazione di nuovo tessuto osseo nella cavità alveolare.
Nell’alveolite post-estrattiva il coagulo sanguigno, sviluppatosi nell’alveolo dopo l’intervento, si disintegra oppure viene dislocato attraverso un processo di dissoluzione della fibrina.
Batteri presenti nella saliva possono essere coinvolti nel processo.
La formazione del tessuto di granulazione risulterà insufficiente e la guarigione della ferita risulterà così ritardata.

 

Condizioni predisponenti:

–  procedure estrattive particolarmente traumatizzanti;
–  età superiore ai 40 anni;
–  sesso femminile per motivi ormonali;
–  la presenza di un’infezione dentaria preesistente all’estrazione;
–  il fumo;
–  scarsa igiene orale;
–  malattia parodontale cronica.

 

Trattamento.

L’alveolite è quindi una condizione molto dolorosa ma non grave.
 Il trattamento non diminuisce i tempi di guarigione, ma serve a controllare la sintomatologia dolorosa ed a ripristinare quelle condizioni anatomiche e biologiche nella sede dell’estrazione, indispensabili per favorire una ripresa dei processi riparativi .
L’uso di analgesici per via sistemica provoca in genere solo temporanee remissioni della sintomatologia.
E’ necessario  intervenire soprattutto localmente, con una cauta pulizia e lavaggio dell’alveolo, previa anestesia locale se necessario, e l’applicazione di una medicazione antidolorifica nell’alveolo stesso.
In seguito al trattamento il Paziente può provare un notevole beneficio, per l’improvvisa remissione della sintomatologia.
La terapia più accreditata ultimamente prevede:
–  la rimozione di eventuali depositi e residui alimentari presenti all’interno della cavità;
–  lavaggi quotidiani dell’alveolo con soluzione fisiologica, o clorexidina allo 0,20%, o soluzione antibiotica;
–  il posizionamento nell’alveolo di una garza sterile imbevuta di Eugenolo (azione analgesica).
La frequenza delle medicazioni all’inizio è quotidiana e viene ridotta con la remissione della sintomatologia e la stabilizzazione del tessuto di riparazione fino alla guarigione.
Altri protocolli prevedono il lavaggio con H2O2 e soluzione fisiologica oppure l’attuazione di manovre chirurgiche per provocare nuovo sanguinamento e di conseguenza favorire  la formazione di un nuovo coagulo. In quest’ultimo caso si corre però il rischio di provocare un’infezione dei tessuti ossei, complicanza certamente più seria dell’alveolite secca.
In genere gli antibiotici per bocca non sono necessari.

 

Prevenzione.

Per ridurre il rischio della comparsa dell’ alveolite il dentista dovrà seguire i seguenti accorgimenti:
–  eliminare il tartaro, se presente, attorno alla radice del dente almeno 10 giorni prima dell’intervento;
–  nell’imminenza dell’intervento far eseguire al paziente sciacqui con colluttorio a base di clorexidina allo 0,20% per ridurre drasticamente la carica batterica nel cavo orale;
–  ridurre il trauma gengivale, evitando di lacerare i tessuti e la necrosi del tessuto osseo;
–  curettare  l’alveolo dopo l’estrazione;
–  lavare abbondantemente l’alveolo con soluzione fisiologica, possibilmente fredda;
–  applicare nell’alveolo spugnette sterili  di collagene di origine animale biocompatibile o di cellulosa ossidata, per favorire il coagulo;
–  non ischemizzare la ferita dopo l’estrazione con una compressione eccessiva del tampone, ma piuttosto lasciar sanguinare delicatamente per favorire il coagulo;
–  eventualmente programmare l’estrazione tra il 23° e il 28° giorno del ciclo nelle donne che assumono contraccettivi orali.

 

Il Paziente dopo l’intervento dovrà:

–  mantenere il tampone di garza posizionato sopra il sito chirurgico per permettere l’organizzazione del coagulo;
–  non effettuare sciacqui nelle prime ore, perché tale operazione potrebbe sciogliere o spostare il coagulo.
–  può essere applicato nella sede dell’estrazione un gel a base di clorexidina almeno allo 0,20%;
–  eseguire sciacqui in modo  delicato e della durata di almeno un minuto, con colluttori contenenti clorexidina almeno allo 0,12%, dopo le consuete manovre di igiene orale;
–  evitare manovre che possano dislocare il coagulo dalla sede alveolare, come bere con cannucce, risucchiare nella zona dell’estrazione, sputare, fare gargarismi, usare l’idropulsore;
–  non assumere cibi e bevande calde, ma dieta fredda a base di liquidi e cibi morbidi: masticare dal lato opposto a quello sede della ferita;
–  evitare alcolici e bibite gassate;
 non fumare nel periodo post-operatorio immediato e per le 48h successive ;
–  mantenere una corretta igiene orale domiciliare.

 

 Fonte: medicItalia (odontoiatria e Odontostomatologia)

 http://www.colgate.it/app/CP/IT/OC/Information/Articles/Oral-and-Dental-Health-Basics/Checkups-and-Dental-Procedures/Tooth-Removal-Extraction/article/Tooth-Extract

 

 

 

 

Gen 202014
 

 

anatomia parodontale 1

 

La malattia parodontale, comunemente chiamata piorrea, è una patologia che si sviluppa a carico del parodonto, ad eziologia multifattoriale, provocata da un’ infezione batterica e dalla predisposizione personale.

Il parodonto, ossia la struttura che funge da sostegno al dente, è composto dalla gengiva, dal legamento parodontale e dall’osso.

Molto spesso la malattia parodontale non provoca dolore, soprattutto nelle fasi iniziali, e quindi non è facile accorgersi della sua presenza; quando ciò avviene, la situazione, in molti casi, è già compromessa: gengive che sanguinano con frequenza, mobilità dei denti e alito cattivo sono segni di malattia parodontale in stato avanzato. La piorrea è una delle cause più frequenti di perdita degli elementi dentari in pazienti adulti.

L’unico modo che il paziente ha per verificare l’insorgenza di malattia parodontale è di fare regolari visite di controllo dal proprio dentista.  Solo in questa maniera è possibile effettuare una diagnosi e quindi attuare un piano di cura adeguato oppure mettere in pratica misure preventive contro l’insorgenza della piorrea. Le misure preventive consistono nella rimozione della placca e del tartaro dai denti: la placca è una patina biancastra che si deposita sui denti vicino alle gengive ed è composta da batteri; se non viene regolarmente eliminata con l’uso dello spazzolino col tempo indurisce e si trasforma in tartaro. Il tartaro può solamente essere eliminato dal cavo orale mediante una detartrasi. La placca batterica e, di conseguenza, il tartaro sono la causa principale dello scatenamento della malattia parodontale.  La malattia parodontale se trascurata nel tempo provoca gonfiore e sanguinamento delle gengive, perdita di osso e perdita dei denti.

Quali sono le cause della malattia parodontale?

La malattia parodontale è causata da diversi fattori non tutti controllabili dal paziente o dal dentista. La causa principale è l’accumulo di placca e di tartaro all’interno della bocca. Uno dei fattori di rischio più importanti è il fumo. L’assunzione di determinati farmaci, come immunosoppressori e antidepressivi, può aumentare la possibilità che si sviluppi la malattia parodontale. Recenti studi hanno inoltre dimostrato che malattie sistemiche, ad esempio il diabete, possono aggravare lo sviluppo della malattia parodontale. La predisposizione genetica, infine, favorisce lo sviluppo della malattia: se in famiglia, tra i parenti più stretti, vi è qualcuno che ha perso i denti apparentemente senza causa è possibile che si sia geneticamente predisposti.

Diagnosi

La diagnosi di malattia parodontale viene eseguita dall’ odontoiatra. Esso si avvale di alcune tecniche diagnostiche minimamente invasive e per nulla dolorose.

malattia parodontale 2

In una situazione di salute l’osso di sostegno dei denti normalmente si trova circa 2-3 millimetri sotto il bordo della gengiva. In caso di malattia parodontale esso si ritira andando a formare le  tasche parodontali, dove con molta facilità si accumulano batteri e tartaro. Per valutare la presenza di eventuali tasche viene eseguito di norma un esame radiografico (come può essere una panoramica) accompagnato da un esame del cavo orale eseguito utilizzando una sonda millimetrata che viene posta tra la gengiva e il dente, e questo permette di misurare la profondità di eventuali tasche.

Le prime avvisaglie della malattia parodontale si presentano con l’insorgere di una gengivite: le gengive sono molto rosse, gonfie, doloranti e tendono a sanguinare con molta facilità. La gengivite è una forma della malattia ancora reversibile e quindi facilmente curabile, ma se non viene curata può evolvere in forme ben più gravi e irreversibili della malattia.

Lo stato più avanzato della malattia è la parodontite: a questo livello le gengive, l’osso e il legamento parodontale sono già stati gravemente danneggiati, i denti hanno acquisito mobilità e nei casi più gravi possono cadere spontaneamente o venire estratti.

Le cure

Come abbiamo visto la malattia parodontale può trovarsi in vari stadi di gravità differente. La cura per la malattia dipende dalla sua gravità. Negli stadi iniziali è sufficiente eseguire una pulizia degli elementi dentari dal tartaro e dalla placca mediante una seduta di igiene orale professionale (detta anche detartrasi). Negli stadi più avanzati è necessario eseguire una levigatura radicolare, che prevede la pulizia approfondita, sotto anestesia, della tasche parodontali. Nei casi gravissimi vi è la possibilità che si debba eseguire un intervento chirurgico di ricostruzione delle strutture perse.

Tutti questi trattamenti vengono eseguiti ambulatorialmente e prevedono tempi di guarigione brevi e quasi del tutto esenti da effetti collaterali. Il numero di appuntamenti necessari al trattamento della malattia dipende dalla gravità e dalla sua estensione. Presso il nostro studio è possibile eseguire i vari interventi anche in stato di sedazione cosciente eseguita da un anestesista specializzato. Dopo il trattamento è prevista l’esecuzione di una serie di richiami periodici di controllo. Una volta effettuata la terapia è di fondamentale importanza rispettare i richiami di controllo ed effettuare scrupolosamente le manovre di igiene orale che vengono insegnate dai nostri operatori. In mancanza di tali atti il buon esito della terapia potrebbe essere compromesso.

Prevenzione della malattia parodontale.

Per prevenire l’insorgere della malattia parodontale è sufficiente seguire poche e semplici direttive:

lavare correttamente i denti mediante l’uso dello spazzolino dopo ogni pasto per almento tre minuti;

utilizzare quotidianamente il filo interdentale e lo scovolino in caso di ponti o impianti;

–  evitare di fumare;

eseguire visite periodiche di controllo presso il dentista specializzato nella cura della parodontite.