Mar 202014
 

 Partiamo da una breve introduzione ….

 

Cos’ è un granuloma?

Non è assolutamente una neoplasia ma il risultato di una serie di concause:
l’ infiammazione cronica (ovvero a lenta evoluzione) si può manifestare nelle aree intorno all’apice della radice dentale di un dente a polpa infetta (necrosi della polpa con “perdita di vitalità”) e diffondersi all’osso alveolare circostante provocando lesioni quali l’ ascesso oppure il granuloma.  Le lesioni provocano rarefazioni ossee visibili in radiografia come aree scure, localizzate più spesso intorno all’apice della radice .
La causa che porta alla formazione del granuloma è costituita dalla necrosi della polpa dentale (“nervo”) e dalle tossine batteriche che permangono nei canali radicolari .
Per la guarigione dal granuloma è necessario quindi detergere in modo corretto il contenuto infetto della radice rimuovendo i residui necrotici della polpa o “nervo”, mediante preparazione (sagomatura), disinfezione e successiva otturazione canalare mediante materiale bioinerte (guttaperca).

www.massimocanonica.it

La guarigione porta alla scomparsa in radiografia dell’area scura (“di trasparenza”) e avviene nell’arco di 6-12 mesi circa.
Tuttavia occasionalmente un dente che è stato sottoposto a una cura canalare (devitalizzazione) può non guarire oppure continuare ad essere dolente nonostante il trattamento canalare effettuato e questo anche alcuni mesi o anni dopo, e sviluppare appunto un granuloma.
Quando questo accade, il dente spesso può essere salvato con un secondo trattamento canalare. Tale procedura viene definita: 

 

Ritrattamento Endodontico.

Perché occorre ritrattare i canali del dente?

Il trattamento endodontico viene eseguito perché la polpa, comunemente chiamata dai pazienti “nervo”, si presenta irrimediabilmente danneggiata.
In alcuni casi sebbene la polpa sia stata rimossa e sostituita con un materiale da otturazione, il dente deve essere ritrattato per problemi dovuti  ad una o più delle seguenti cause:

– Incompleta pulizia e otturazione dei canali:
Perchè la cura canalare abbia successo i canali delle radici devono essere interamente puliti e otturati.

www.massimocanonica.it                     www.massimocanonica.it
          cura canalare incompleta                                                                   ritrattamento canalare

Alcuni canali sono a volte così stretti, calcificati o curvi che anche i più piccoli strumenti a disposizione non riescono a percorrerli. Altri canali sono così piccoli che non sono facilmente individuabili, oppure sono otturati in maniera approssimativa.

– Trauma radicolare :
Un nuovo trauma può aver causato la frattura della radice e una cisti o un’ infezione possono essersi sviluppate all’apice (punta) della radice.

– Nuova carie:
Una nuova carie può distruggere la corona del dente ed esporre il materiale da otturazione che chiude il canale ai batteri e alla saliva causando una nuova infezione delle radici.
Una frattura o incrinatura di un’otturazione o la decementazione di una corona o di un perno radicolare possono determinare i medesimi danni.

Chi può eseguire i ritrattamenti?

Molti casi sono complessi e richiedono l’ intervento di specialisti in questo settore, che dedicano maggiormente la loro attività professionale all’Endodonzia; proprio per questo sono più esperti nell’eseguire tali terapie e sono dotati di attrezzatura specifica quale il microscopio.

 

Che cosa capita durante il ritrattamento?

Il dente deve essere riaperto, i canali nuovamente detersi ed otturati .
Nei casi in cui non sia possibile tutto ciò (canali curvi, perni nei canali, etc.) può essere necessaria un’ incisione della gengiva che permette di esporre l’apice del dente al fine di poterlo sigillare (apicectomia ed otturazione retrograda).

 

Il Paziente può avere male?

Durante il trattamento il dente può fare male; questo è un inconveniente che non pregiudica il buon esito della terapia.

 

Se il primo trattamento è fallito, come può il Paziente essere sicuro che il ritrattamento avrà successo?

Non ci sono naturalmente garanzie certe. Molte volte il ritrattamento è l’unica alternativa all’estrazione. L’Odontoiatra deve fornire  tutte le informazioni e le alternative terapeutiche affinchè il Paziente possa decidere in completa tranquillità e consapevolezza.

 

Quali sono le alternative al ritrattamento?

L’estrazione del dente è solitamente l’alternativa.
La perdita di un dente può portare allo spostamento di quelli vicini con gravi interferenze nell’occlusione (rapporti tra le arcate dentali ) e nella masticazione.
Il dente si può rimpiazzare con un ponte ancorato ai denti vicini, se presenti, o con un impianto endosseo. Tutti questi sono dei procedimenti lunghi, costosi ed artificiali.
Nonostante i progressi enormi fatti in campo implantologico niente per ora è migliore e più duraturo del dente naturale anche se sono perfettamente sovrapponibili i parametri di durata nel tempo tra un dente ben ritrattato e un impianto ben posizionato.
 
Quanto costa il ritrattamento?

Generalmente il costo per il ritrattamento endodontico è più elevato rispetto alla normale devitalizzazione di un dente. Ciò è dovuto alla difficoltà ed al maggior tempo operativo richiesto per portare a buon fine la terapia.
 
 
Fonte  : www.endodonzia.it

FacebookTwitterGoogle+Condividi